Gestire le MICI

Non esiste guarigione medica per la colite ulcerosa o il morbo di Crohn, ma è possibile intervenire in vario modo per gestire e controllare la malattia ed evitarne così riacutizzazioni e complicanze:

Usa il nostro IBD Wellbeing Tool per verificare se sai gestire bene la tua malattia infiammatoria cronica intestinale. Rispondendo a poche semplici domande, potrai ricevere:

  • Consigli personalizzati per mantenerti in buona salute 
  • Suggerimenti pratici su come modificare il tuo stile di vita per gestire meglio la tua MICI 
  • Informazioni su come gestire dieta, alimentazione e relazioni interpersonali 

Terapia farmacologica per le MICI

La terapia farmacologica svolge un ruolo fondamentale nel 
trattamento sia della colite ulcerosa che del morbo di 
Crohn. In generale, i farmaci servono a ridurre 
l’infiammazione nelle porzioni di intestino colpite, 
contribuendo così ad alleviare i sintomi di diarrea, 
sanguinamento rettale e dolori addominali. 


La terapia è mirata a:

  • Alleviare la sintomatologia nelle riacutizzazioni 
  • Ottenere la remissione (assenza di sintomi) o meglio, in termini medici, una “induzione della remissione”. Una volta che i tuoi sintomi siano sotto controllo, la terapia servirà a mantenerti asintomatico a lungo termine: è la cosiddetta “terapia di mantenimento” 
  • Prevenire complicanze e quindi migliorare la qualità della vita 

Per questi scopi diversi si possono anche utilizzare gli stessi farmaci, che però devono essere somministrati in dosi diverse e per periodi di tempo diversi a seconda dei diversi stadi della malattia infiammatoria cronica intestinale

Il tipo di terapia varierà in funzione del tuo stato di salute e delle ripercussioni che la malattia ha su di te in quel momento. Il piano terapeutico dovrà tenere conto dei seguenti elementi:


  • Tipo di malattia infiammatoria cronica intestinale (colite ulcerosa o morbo di Crohn) 
  • Anamnesi medica e terapeutica 
  • Esigenze, desideri e aspettative personali 

Per la colite ulcerosa, la terapia dipende dall'estensione del tratto di intestino crasso interessato e dalla gravità dell'infiammazione. 

Per il morbo di Crohn, la terapia farmacologica di prima linea è solitamente analoga a quella della colite ulcerosa. Tuttavia, per cercare di controllare l'infiammazione e come terapia di mantenimento per prevenire la ricorrenza dei sintomi si utilizzano più spesso farmaci immunosoppressori.

In ciascuna malattia infiammatoria cronica intestinale, se la terapia farmacologica (che è generalmente l'approccio terapeutico scelto in prima battuta) non si dimostra efficace o se insorgono complicanze, può rendersi necessario l'intervento chirurgico. Per capire se nel tuo caso specifico sia opportuno o meno, parlane con il tuo medico.

Definizione di un piano terapeutico

Una volta posta la diagnosi di colite ulcerosa o di morbo di Crohn, il tuo medico elaborerà un piano terapeutico, che solitamente comporta una terapia di mantenimento, ossia i farmaci che devi assumere ogni giorno per prevenire eventuali riacutizzazioni della tua malattia infiammatoria cronica intestinale

Per avere la certezza che la terapia sia efficace e compatibile con il tuo stile di vita, e per consentire al tuo medico di monitorare il decorso della malattia, dovrai sottoporti regolarmente a visite di controllo.

Attenersi il più scrupolosamente possibile a questo piano terapeutico è il miglior modo di tenere sotto controllo la tua malattia infiammatoria cronica intestinale.

Se il piano sembra non dare risultati o se iniziano a comparire effetti collaterali, parlane con il tuo medico per rivedere o modificare la terapia farmacologica. 


Il medico potrebbe anche suggerirti di rivolgerti a un infermiere di gastroenterologia specializzato nella cura di una malattia infiammatoria cronica intestinale per ottenere ulteriore supporto, per conoscere altre fonti di informazione e per entrare in contatto con gruppi di supporto ai pazienti 

Modulo di feedback